Follow Us

  • No products in the cart.
We Are On

10 COSE DA SAPERE DELL’ACQUISIZIONE DISNEY FOX

Le 10 cose da sapere che avranno un certo impatto sul sistema dell’Entertainment (e uno sguardo all’Italia).

 

1_ Take a breath: con questa acquisizione, Disney diventa il primo gruppo cinematografico e fra i primi gruppi televisivi d’America, Disney si espande enormemente anche livello internazionale – nella TV “tradizionale” e negli asset produttivi; acquisisce inoltre un ruolo strategico anche nello scenario dei servizi video in streaming, oltreché un consistente bacino di IP da sfruttare ad ogni livello e per ogni target. Wow.

2_ Il valore dell’accordo: Disney ha acquistato molti asset di 21st Century Fox per circa 66 miliardi di dollari (che rappresentano la somma di quanto acquistato per le azioni, 52,4 miliardi, e il valore dei debiti di FOX che Disney si accollerà pari a 13,7 miliardi). Un valore enorme, pari 16,5 volte il valore dell’acquisizione di MARVEL o Lucasfilm (entrambe acquistate per 4 miliardi) e 9 volte il valore dell’acquisizione di Pixar (che fu comprata nel 2006 per 7,4 miliardi). Quindi è la più grande acquisizione di Disney della storia, e distanzia di molto le precedenti per valore. Disney ha dimostrato di saper valorizzare molto gli asset Pixar, MARVEL e Lucasfilm rinnovandone i miti e le IPs per le vecchie generazioni e soprattutto sviluppandoli e (ri)creandoli per le nuove. Se – come crediamo – saprà fare altrettanto con le molte property FOX possiamo dire fin da subito – prendendoci davvero pochi rischi di essere smentiti dai fatti – che l’investimento sarà stato enormemente profittevole.

3_ Mega Dimensione: porta la major a rivaleggiare o quantomeno a trattare da pari con i colossi FANG (Facebook, Amazon, Netflix, Google), perché se è vero che questi hanno le piattaforme per interagire col pubblico è anche vero che i contenuti se li devono comprare… e forse è più facile creare una piattaforma di successo se si possiedono i contenuti. E ora Disney ne possiede davvero tanti per tutti i gusti, per tutti i target, anche per i millennials primi consumatori dei servizi SVOD. Ecco perché Disney “King of Content”.

di Fabrizio Savorani Business & Marketing Consultant – Owner at Active Brains

Leggi l’articolo completo cliccando qui